Skip to main content
THE TALANTHOUGHT

IL PESCE D’APRILE

Il pesce d’aprile

(lettera da un porto lontano)

 

… e ti dico, adesso dopo aver navigato tanto mare e visto mille porti, e le strade, i vicoli e i bordelli di mille porti, che i veri pericoli non sono i venti di libeccio e le tempeste che ti strappano i piedi dal ponte.

Neanche i pescecani o le balene che vogliono mangiarti la nave.

Il vero male è la tranquillità bianca della patana, che ti frega senza che te ne accorgi; ti fa dormire.

É quella la vera bugia: è un pesce d’aprile!

Giampaolo Talani
da Storie del Marinaio, 1995.