post __ No comments

MIO PADRE MIA MADRE

simona luppi / 17 settembre 2018 / talanpensiero

Non sotto un cavolo quindi ma sotto un ombrello da mare a righe bianche e blu venni al mondo, meglio direi venni al mare, questo mare.

Mio padre un granchio forte spigoloso e dolce, piantò in tutta fretta l’ombrello come riparo di fortuna alle improvvise doglie di mia madre, una stella marina di un rosa così delicato e pallido, ma in quel momento dalle punte contorte e infuocate di rosso vivo per il dolore del parto…


Giampaolo Talani, 2016

 


La galleria dei TALANPENSIERO. Leggili tutti!
SHARE VIA